Archivi tag: Bellezza

Michael Kiwanuka and the salvation.

I usually exaggerate. It is because of the language, because of the wonder. It is wonder’s fault. My life is a wonder ocean with cheese sandwiches on the shore. My life is wonderful because yesterday I was in Kiwanuka show and I … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, English writing, Le mie cose. | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Radio radio radio!

Amici, siamo di nuovo alla radio. Al solito: io scrivo, lui legge, loro ci ascoltano, voi ci ascoltate. Voi ci ascoltate? Dai. Dai ché la radio is beautiful. Vado e torno. Quando torno ve lo racconto meglio.

Pubblicato in Radio: Radiolario | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ma nonostante tutto, come lucertole.

C’è gente, pensavo oggi camminando per la rua e scrivendo in mente, c’è gente che fa un sacco di cose fantastiche. Gente che sa parlare dieci lingue, gente che si interessa di cose rare, gente che non ha mai alzato … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., Lisboetario | Contrassegnato , | 3 commenti

Noi e cose che reggono il mondo, come il corpo e la bellezza, e poi Jade Beall.

Noi e alcune cose importanti, il corpo, la bellezza, l’umanità, le donne, la fotografia, la verità, la pelle, le storie, le scelte, le pance, i battiti, le attese, i seni, i capezzoli, i capelli, gli odori, la donnità, la donnità. … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Haiku #10. (questo l’ha scritto Kijo)

“The moment two bubbles are united, they both vanish. A lotus blooms.” Murakami, Kijo

Pubblicato in E gli Haiku, English writing | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

L’umanità venuta coi grumi.

Ci sono questi che gli mandi il disegno di tuo figlio e loro si mettono a cucire un giocattolo a immagine e somiglianza del disegno. E poi ti mandano a casa il pupazzetto, tutto storto e bruttino e commovente esattamente … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Eterotopie, eterocronie ed eteroglaciologie alla parata omosessuale di Berlino. (con Michel Foucault, ma non c’entra)

La domenica tu ti svegli e hai combinato tante di quelle cose che poi ti viene in mente Michael Foucault. Per quell’idea delle eterotopie, luoghi non-luoghi contrapposti alle utopie, “connessi a tutti gli altri spazi ma in modo tale da … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., No pain., Scrivere ancora. | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Das ist mir ein böhmisches Dorf.

“Questo per me è un quartiere boemo”. Che sarebbe un modo per dire di un posto quello che noi in italiano, quando vogliamo dire la stessa cosa di una teoria, di una lingua o del comportamento di un ex, per esempio, … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., Le mie cose. | Contrassegnato , , , , | 6 commenti

Io che sono distese immense.

A volte resto distesa per lunghi minuti, sembrano ore, sembrano ore ma sono solo pochi minuti, poi mi appoggio immobile sull’aria, sono posizioni antiche, me le hanno insegnate tanti anni fa. A volte sono ore, e sembrano ore, altre volte … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , | Lascia un commento

Una frase ispirante che ho ascoltato dentro un video molto bello visto stamattina mentre cercavo la mascherina alla lavanda per gli occhi che mi ha cucito mia madre ma non l’ho trovata e quindi mi sono alzata ad un orario un po’ curioso che si è però rivelato essere il momento giusto per vedere questo video e sentire questa frase ché poi era già (in)scritta e confessata nel titolo del video ma non la capisci fino in fondo finché non lo vedi per intero. Esattamente, credo, come tutto il resto delle cose.

“Ti è piaciuta la tua storia?”

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Motivi per risplendere.

Qualche tempo fa ho ricevuto una poesia da una di quelle persone che da uno a dieci in tante cose poi tu alla fine le daresti dieci. La poesia mi è piaciuta così tanto che l’ho trascritta su un sacchetto … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., Letture | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti

Ciao Ciao Deriva, un bacio ancora.

Noi siam gente che a salutare ci mettiamo delle ore. Ci diciamo “ce ne andiamo?” e poi passa un’ora, due. È il tempo che ci vuole per salutarsi. Gli altri, gli stranieri, pensano che sia un temporeggiare, una lentezza, una … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, Le mie cose., Radio: The Drift | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento