Archivi tag: Guardare

Lisboetario #1

Insomma in sintesi ho lasciato Berlino. Qualche settimana fa al Babylon Mitte, a Berlino, cinema cool nonostante si trovi in capo al mondo, cioè fuori da Kreuzberg, ho visto Alejandro Jodorowsky. Intendo proprio l’immenso Alejandro Jodorowsky. Ha presentato il suo … Continua a leggere

Pubblicato in Visioni | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

L’ultima prima. Ché non è la prima del film di Dee Rees.

Oggi cade la prima neve dell’inverno a Berlino, e io penso, è l’ultima prima neve, per me. Ci sono delle cose che dobbiamo dirci, io e te, bloggino, che ci sentiamo così poco, così poco poco, di recente. Ché poi … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., Visioni | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Noi e cose che reggono il mondo, come il corpo e la bellezza, e poi Jade Beall.

Noi e alcune cose importanti, il corpo, la bellezza, l’umanità, le donne, la fotografia, la verità, la pelle, le storie, le scelte, le pance, i battiti, le attese, i seni, i capezzoli, i capelli, gli odori, la donnità, la donnità. … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Una palla gialla in mezzo a uno sfondo azzurro non è il massimo della ricerca artistica, ciò nonostante la mia anima fluttuava.

Ieri ho dipinto. Ancora non è pronto.

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , | 1 commento

Una frase ispirante che ho ascoltato dentro un video molto bello visto stamattina mentre cercavo la mascherina alla lavanda per gli occhi che mi ha cucito mia madre ma non l’ho trovata e quindi mi sono alzata ad un orario un po’ curioso che si è però rivelato essere il momento giusto per vedere questo video e sentire questa frase ché poi era già (in)scritta e confessata nel titolo del video ma non la capisci fino in fondo finché non lo vedi per intero. Esattamente, credo, come tutto il resto delle cose.

“Ti è piaciuta la tua storia?”

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | 2 commenti

L’andare a dormire, Kanjano e Franco Matticchio. Voce del verbo matticchiare.

Oggi grazie a Kanjano, uomo dalla matita magica, ho scoperto Franco Matticchio.Dovevo andare a letto ma ho temporeggiato. Per fare questa scoperta, immagino. Matticchio, hai visto? Ci siamo incontrati oggi, ché mi sembrava che quelli dicevano “io matticchio, tu m … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., Visioni | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Qualcuno deve gridare.

“Qualcuno deve gridare che costruiremo le piramidi, non importa se poi non le costruiremo, bisogna alimentare il desiderio. Dobbiamo tirare l’anima da tutte le parti come se fosse un lenzuolo dilatabile all’infinito.” — Tarkovskij, a emozionare.

Pubblicato in Le mie cose., Visioni | Contrassegnato , | 3 commenti

“Mandala, A Music Palindrome”. A fitting response, ovvero: non te lo so spiegare però vieni a vedere.

In questo post c’è più di quanto io non sappia spiegare. Perché non mi intendo né di armonia, né di fisica, né di astronomia. E’ anche vero che il mio compito qui non è quello di spiegar cose, sennò avrei … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, Le mie cose., Visioni | Contrassegnato , , | 4 commenti

2011, the, july, words, berlinale, first, future, my, miranda, of.

“First, I am wild.”

Pubblicato in Le mie cose., Visioni | Contrassegnato , | Lascia un commento

Magnum Photos, No Berlusconi Berlin, e post lunghi (che vorrebbero diventare ancora più lunghi).

Due cose che non ho ancora condiviso in questo luogo. Non si tratta di inviti, perché gli eventi cui fanno riferimento sono già avvenuti, ma forse le parole e le idee sono inviti comunque. Inviti a riflettere, magari. Dicono i … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., Le mie cose come la politica, o così., Le mie cose., Visioni | Contrassegnato , , , , , , , | 2 commenti