Archivi categoria: No pain.

La testa fuori.

È bello essere qui. Io e il mio ginocchio bruttino per questi giorni dobbiamo restare a letto. Immobili, entrambi. “Insieme al computer e a tanti libri da leggere”, mi sembra che abbia detto il medico.

Pubblicato in Letture, No pain., Pain., Visioni | Contrassegnato , , , | 1 commento

Hawaii, menischi e ribellioni tutte nude.

Ho appena scritto, dentro una mail: “E tu, come stai? Io mi approccio a una nuova lezione della vita. Ho un lieve problema al ginocchio, tra qualche giorno arriverà il referto che mi racconterà il futuro.” E così l’ho detto … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, No pain., Pain. | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Tema: l’avvicinarsi dell’inverno. Berlin, 2 dicembre 2014

L’avvicinarsi dell’inverno mi prende in giro i sensi. L’altro giorno stavo pedalando, e mentre pedalavo felice e immortale una sensazione mi prende al cuore, e mi guardo il cuore, o mi guardo il mantello all’altezza del cuore. Matta, pensavo, sei … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., No pain. | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Felicità, per sempre. (Sabine, cancello il tuo numero.)

Quando ho letto Il giovane Holden avrò avuto circa 19 anni. Sarà stato in quel tempo in cui vivevo da sola da poco e potevo restare a leggere tutto il giorno, perché tanto a casa non c’era nessuno a guardare. … Continua a leggere

Pubblicato in Letture, No pain. | Contrassegnato , , | 4 commenti

Nuovi progetti ancora incerti.

Ci sono quegli ombelichi che sono risolti, chiusi, visibili, quelli che hanno addirittura una specie di pallettina, io invece ho un ombelico che è una spirale verso l’infinito. Mi dicevo, prima, sotto la doccia, pensa come sarebbe bello se riuscissi … Continua a leggere

Pubblicato in No pain. | 5 commenti

Responsible horoscope for free.

Yes, I’m writing. I’m writing, yes, sure. I’m writing my Horoscope for 2013. Just inventing, of course. Things like “it will be the best time of all times, you will be tremendously happy”. And I will take the responsibility for … Continua a leggere

Pubblicato in English writing, No pain. | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Eterotopie, eterocronie ed eteroglaciologie alla parata omosessuale di Berlino. (con Michel Foucault, ma non c’entra)

La domenica tu ti svegli e hai combinato tante di quelle cose che poi ti viene in mente Michael Foucault. Per quell’idea delle eterotopie, luoghi non-luoghi contrapposti alle utopie, “connessi a tutti gli altri spazi ma in modo tale da … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., No pain., Scrivere ancora. | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Poi ogni tanto mi fermo.

Poi ogni tanto mi fermo e penso che, qualsiasi cosa accada, la musica classica mi salverà la vita.

Pubblicato in Le mie cose., No pain. | Contrassegnato , | 2 commenti

Il bene.

Poi ho detto che il mio oroscopo parlava di giugno come di un mese difficile, e allora ha abbracciato forte e ha detto che no, non lo sarebbe stato.

Pubblicato in Le mie cose., No pain. | Contrassegnato , | Lascia un commento

Poi.

Poi nei momenti quando si nasce e si muore, ti rendi conto che c’è solo l’amore.

Pubblicato in Le mie cose., No pain., Pain. | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

I will be a beautiful flower.

I feel like a bulb. I’m so excited about blooming. So scared about this warm air, outside. The “Outside”. Who knows. I feel I believe in a world out there. I do like the smell of the soil, of the … Continua a leggere

Pubblicato in English writing, Le mie cose., No pain. | Contrassegnato , , , | Lascia un commento