Archivi tag: Stagioni

A Settembre si ha bisogno di poesia. Piccoli annunci di Wislawa Szymborska.

Le foglie si guardano l’un l’altra con gli occhi spalancati. Che bella sorellanza dev’essere, quella tra foglie! È Settembre, e qui da me questo Settembre è stato appena istituito mese della poesia. “CHIUNQUE sappia dove sia finita la compassione (immaginazione … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

2 Gennaio giorno dell’eterno attuale. Ach, come ti amo, Nietzsche.

« Genova, 1882. 2 Gennaio. Per il nuovo anno. – Vivo ancora, penso ancora. Devo vivere ancora, perchè devo ancora pensare. Sum, ergo cogito; cogito, ergo sum. Oggi ognuno si permette di esprimere il suo augurio e il suo pensiero … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Tema: l’avvicinarsi dell’inverno. Berlin, 2 dicembre 2014

L’avvicinarsi dell’inverno mi prende in giro i sensi. L’altro giorno stavo pedalando, e mentre pedalavo felice e immortale una sensazione mi prende al cuore, e mi guardo il cuore, o mi guardo il mantello all’altezza del cuore. Matta, pensavo, sei … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., No pain. | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

L’ultima prima. Ché non è la prima del film di Dee Rees.

Oggi cade la prima neve dell’inverno a Berlino, e io penso, è l’ultima prima neve, per me. Ci sono delle cose che dobbiamo dirci, io e te, bloggino, che ci sentiamo così poco, così poco poco, di recente. Ché poi … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., Visioni | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Dammi un la. Anzi, dammi un sol.

Poi c’era questo mio amico stamattina che diceva, io mi pensavo che quest’anno non so perché ma il sole non se ne andava, l’estate rimaneva, e ormai quella roba di alternare le stagioni faceva parte di un vecchio modo di … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Nei giorni passati a scrivere.

Nei giorni passati a scrivere c’erano i supereroi che piangevano mentre tu non li guardavi, aspettavano il momento giusto e poi tac, giù di lacrimoni. Poi c’era un museo con le sale piene di alberi dove si poteva ballare, come … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose., Pain., Scrivere ancora. | Contrassegnato , , , | 4 commenti

Chiudi gli occhi, The Drift. Si torna a casa.

Buongiorno a tutti, ben trovati dopo le feste, bentornati, benvenuti, e venite subito un po’ più vicino ché dobbiamo dirci delle cose. Allora, è primavera, giusto? Sentite l’aria tiepida che vi si sta infilando sotto i vestiti, in mezzo ai … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, Le mie cose., Radio: The Drift | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Poi.

Poi nei momenti quando si nasce e si muore, ti rendi conto che c’è solo l’amore.

Pubblicato in Le mie cose., No pain., Pain. | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

V di primavera, ché se arriva anche quest’anno la dedico a Syd.

In questi ultimi giorni ho fatto Cinque O Sei Errori. Tra una settimana dovrebbe essere primavera e di questi COSE potrei forse dimenticarmene. Della primavera, lo so perché ho visto una di quelle V nel cielo. Ne avevo già viste … Continua a leggere

Pubblicato in Ascolti, Le mie cose., Pain. | Contrassegnato , | 2 commenti

Mentre mi dedico con cura e amore a rimandare tutte le cose.

Oggi. Ho desiderato che fosse già il primo giorno di settembre per scrivere i buoni propositi e rileggerli in continuazione. Ho pedalato veloce fino a casa e appena sono arrivata su e mi sono affacciata alla finestra ho visto che … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

C’è un piano e c’è un forte, e profumo di caffè, e io ci credo.

C’è che non ha ancora del tutto imparato ma mi piace la musica con cui si esercita. Deve amare Keith Jarrett. E deve abitare proprio vicino, sarà due o tre finestre più in là (ché lo sento forte, e lo … Continua a leggere

Pubblicato in Berlin., Le mie cose., Scrivere ancora. | Contrassegnato , , , , , | 2 commenti

Uno che in acqua sembra fare il morto, e invece.

E bevo martini, perché vorrei fumare una sigaretta ma ho smesso. Ho ali bianche che urtano contro il cardigan viola come un cavallo beige, marrone, bianco, pezzato, in un vicolo cieco e ovviamente grigio. Poi dei colori ce ne possiamo … Continua a leggere

Pubblicato in Le mie cose. | Contrassegnato , , , | 3 commenti