Da anni e per sempre, per ora. E di Eubulide che probabilmente aveva un bel sorriso.

E tu per così dire mi hai lasciato qua a risolvere questa cosa da sola. Per sempre. Anche se come si fa a dire per sempre, dato che un giorno potresti rispuntare e potremmo risolverla, ovvero capirla, insieme.

Se c’è un mucchio di sabbia tu lo guardi e pensi, ah, un mucchio di sabbia. Ne togliamo un granello, il mucchio resta. Ne togliamo un altro e poi un altro, il mucchio diventa più piccolo, ma resta pur sempre un mucchio, finché non resta che un solo granello, e allora improvvisamente lo guardiamo e mannaggia è chiaro che quello che abbiamo davanti non è un mucchio di sabbia ma solo un granello. 

Oppure il granello fa da mucchio? Probabilmente no.

E allora quand’è che il mucchio ha smesso di essere mucchio? Da quanti granelli in poi si può cominciare o smettere di parlare di mucchio? Insomma da quanti anni in poi posso cominciare a dire per sempre? Probabilmente mai, finché saremo in vita entrambi. E quando uno di noi non sarà più in vita potrebbe anche non venire a dircelo nessuno, l’uno all’altra, e già questi pensieri mi fanno guardare fuori dalla finestra, lontanissimo, nel fuori immenso lì nello spazio e nel tempo e la sensazione dell’assurdo sì, l’avverto, eccome. Lana morbida su pelle d’oca morbida, ma torniamo a noi. Adesso e qui. Ora. Se non posso dire “per sempre” allora cosa dovrei dire, dovrei chiamare in gioco il famigerato “ora”?

Ché non ci sentiamo da anni e anni e tu allora eri sempre pedissequamente incrollabilmente costante nel tuo portare avanti il piano di sviare e svilire il risolvere e il capire e io dovrei dire che sta succedendo solo “ora”? Per essere esatta e non dire “per sempre”? Per correttezza formale? E se così fosse, non finirei con l’aspettare? Il supplizio dell’attesa pur di non esagerare? Il fuori dalla finestra proietta continuamente dei video lentissimi ed è un oracolo. Ora.

L’incompiutezza è forse la condizione costante di ogni cosa. Qualsiasi cosa che possa dirsi compiuta potrebbe essere rivista e trasformarsi col tempo. Qualsiasi cosa che sembri rimanere incompiuta potrebbe trovare in futuro modi di compiersi e scompiersi come gli pare.

Questa del mucchietto di sabbia è una storia antica, il cosiddetto paradosso del sorite di Eubulide di Mileto. Eubulide, tu che ti chiedevi quanti granelli fanno un mucchietto, eri bello e sensibile, tu? Eri paziente? Avevi un bel sorriso Eubulide?  Un po’ mi piacciono quelli come te, che mi raccontano la follia della logicità, che smontano le cose rivelandone la follia intrinseca e mi ricordano che quella del senso compiuto è un’idea troppo, troppo debole.  Chissà a chi l’hai raccontata per la prima volta, questa storiella dei granelli di sabbia. Forse la storia originale era coi baci, un bacio prima, poi un altro, e un altro, e lei gemeva di no ma poi moriva di voglia e tu le dicevi che non era niente, che rispondimi se lo sai ma quanti granelli di sabbia ci vogliono per fare un mucchio, e quanti baci e quanti ancora. E poi siccome gli uomini, nell’antichità e forse da sempre e per sempre, ma come per sempre, ah già, per ora, ecco siccome gli uomini per ora stanno avendo – ma è temporaneo – questo vizio di non spiegare le cose lei si ritrovò a doverli risolvere da sola, i quesiti tra loro, il cosa era successo, e il come era prima, il come era dopo e il come era adesso. Ora. Ora ma stiamo parlando di baci che sono stati dati nel quarto secolo a.C., quindi loro nel frattempo sono passati a miglior vita. Come si dice.

E a questo punto possiamo dire per sempre. Se tutto va bene un’altra trentina, forse persino quarantina d’anni ce li abbiamo. Quindi volendo la si può trovare una mezz’ora per spiegare. Niente è per sempre finché siamo qui, perché abbiamo l’enorme talento di poterlo cambiare.

Ché poi volevo dire, anche due granelli, per dire, già sono un mucchietto.

Advertisements
This entry was posted in Le mie cose.. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s