Io e Robert Frost che perlustriamo, e il primo che trova qualcosa se lo tiene.

I write to find out what I didn’t know I knew.”

“Scrivo per scoprire cosa non sapevo di sapere.”

Eh sì, mio caro Robert Frost. Un po’ come quando sei al verde e controlli le tasche di tutte le giacche alla ricerca di una banconota dimenticata. Scrivere a volte è un po’ così, sei al verde e allora ti metti a battere i tasti e battendo battendo vengono fuori delle cose che avevi già capito ma che avevi dimenticato, delle cose spiegazzate ma ancora buone, e le puoi usare oggi che le hai tirate fuori da tutto quel frugare, quelle cose capite di nuovo, le puoi spendere come vuoi, dai, vatti a comprare una cosa che ti piace, che non ti compri mai niente.

Advertisements
This entry was posted in Scrivere ancora. and tagged , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Io e Robert Frost che perlustriamo, e il primo che trova qualcosa se lo tiene.

  1. Molto bella la metafora che hai utilizzato, non avevo mai pensato alla scrittura in questi termini ma se mi soffermo a pensare capisco che per me è sempre stato così.

  2. Anüz Allen says:

    Grazie. Sì, la scrittura può essere un mezzo per capire tante cose, ma anche questo forse è un pensiero che dimenticheremo… e lo ritroveremo scrivendo scrivendo. ;)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s